09 giugno 2015

Osram Night Breaker Unlimited, prime impressioni.

Dopo aver sostituito le luci di posizione della mia V-Strom con LED, più per un fatto estetico chefunzionale, da qualche tempo avevo in mente di sostituire anche le lampade alogene anabbaglianti/abbaglianti. di primo equipaggiamento (Osram Long Life). Un punto a loro favore: sono le stesse del 2007, mai bruciate. A sfavore: colore un po' giallognolo.

Stando alle recensioni in rete, il podio delle alogene potenti ma omologate se lo contendono le Philips xTreme Vision e le Osram Night Breaker Unlimited. Ho optato per le seconde; acquistate su Amazon, pagate un terzo rispetto ai retailer (è l'e-commerce, bellezza), arrivate in qualche giorno in confezione blisterata (erano disponibili nella scatola di plastica rigida, a 2 euro in più: ha prevalso il braccino corto).

Breve inciso: sono indicate per le auto; per le moto esiste il modello specifico che costa di più e, in teoria, dovrebbe essere più resistente alle vibrazioni. E se poi cambia solo la scatola?


Io credo sempre poco ai dati tecnici e alle comparative perché non ti dicono mai con cosa davvero comparano un prodotto. Ma nemmeno dispongo di strumenti di misura (ad esempio per i lumen o la temperatura della luce). Ne ho montata una per confrontarla con la Osram originale vecchia di 8 anni. 


Se non avete capito che la Night Breaker Unlimited è montata nel proiettore destro (il sinistro per chi guarda), vuole dire che:

  • avete un monito peggiore del mio, oppure:
  • non ci sono davvero differenze tra le lampade.

Un po' di differenza, soprattutto nella parte bassa della parabola c'è: la luce è un po' più bianca (non saprei dire se +20% come promette il costruttore) e sembra più intensa. Ma chiariamo le cose: queste lampade NON emettono una luce bianca fredda. Guardate le posizioni a LED da 6000° K: c'è una bella differenza.

Puntando il fascio luminoso verso una superficie scura riflettente (ad esempio la carrozzeria di un SUV nero), è possibile vedere riflessi più bianchi rispetto al proiettore di sinistra.
La prova di notte non l'ho ancora fatta ma non mi aspetto miracoli. Il vero miracolo sarebbe avvicinarsi alla durata (8 anni) delle Osram originali, ma non ci spero: è lo stesso costruttore a dichiarare una vita media abbastanza bassa.

In sintesi: uno sfizio per mitigare la differenza di temperatura rispetto alle posizioni e che (forse) offre un lieve incremento della visibilità notturna.

Alternative legali? Ci sarebbero le Cool Blue , ma le ho scartate per timore di rischiare un po' l'effetto tamarro di periferia che gira con l'autoradio a palla e il braccio fuori dal finestrino. In altre parole, se si vuole la vera luce bianca, le soluzioni sono Xenon after market (ma i proiettori non sono idonei ad ospitarli) oppure lampade full LED (ma non quelle da 10 euro, eh). I primi non sono omologati, sui secondi si capisce ancora poco.

Nessun commento: