26 marzo 2006

Il miglior amico (della pubblicità).


Visto iera sera. Si ride tanto, dall'nizio alla fine. Muccino è bravissimo, commovente nel suo ruolo di figlio di una madre snaturata, di amante di una ragazza probelmatica e di nemico di un borghese arrivato e nevrotico. Verdone è un cane sciolto, forse al suo massimo per il repertorio di smorfie, espressioni, mimica. E il suo personaggio, direttore d'albergo grazie ai soldi della moglie, è eccezionale: comico, tristissimo malinconico, disperato, ironico, sconfitto.
Il film ha un enorme (ma non illegale) difetto: la pubblicità palese ed esagerata di Vodafone e Lenovo (ma anche Lufthansa, Acqua Lete e Birra Moretti), con inquadrature e gag studiate solo per mettere in evidenza il marchio o il servizio. Roba da anni '80: Pozzetto con le Muratti Ambassador.

Nessun commento: